III° Passo

Abbiamo preso la decisione di affidare le nostre volontà e le nostre vite alla cura di Dio, come noi potemmo concepirLo.

Nei primi due passi si esaminano gli aspetti fisici e mentali della malattia. Nel terzo passo, imparo a conoscere l’aspetto più importante della mia malattia. Imparo a conoscere la mia malattia spirituale, l’egoismo, che è la causa del mio alcolismo e che l’egocentrismo è “la radice di tutti i miei problemi”.

Come ho fatto il III passo.

Nei due passi precedenti, è stato necessario identificare tre punti essenziali:

  1. Sono un alcolista, non sono in grado di gestire la mia vita in modo efficace e l’ho praticamente rovinata in tutti i suoi aspetti.
  2. Il mio problema è la mia mancanza di forza per abbandonare l’alcol. Non posso farcela senza aiuto. Ma ho bisogno di un aiuto che nessun essere umano può darmi.
  3. Ho bisogno di un potere superiore che mi liberi dall’alcolismo, se riesco a trovarlo. Sono pronto a crederci e a fare i passi necessari per entrare in contatto con lui e permettergli di entrare nella mia vita e guidarla.
  4. Ho imparato che devo trovare questo potere in me stesso, applicando i principi spirituali del programma, perché è nell’azione che questo potere si manifesta. Il potere del programma è nei principi che metto in pratica.

Convinto di questo, inizio il terzo passo, che consiste nel decidere di consegnare la mia volontà e la mia vita a Dio, come lo intendo io. Il terzo passo non per caso è chiamato “vitale e decisivo” nel programma.

Struttura del terzo passo

  1. Decisioni coerenti volte a cambiare completamente i principi della vita futura.
  2. Contatto consapevole con il PS attraverso la preghiera.

La prima decisione del terzo passo deriva dall’adempimento di un requisito obbligatorio. Il libro dice che:
“Il primo requisito è ottenere la certezza assoluta che una vita costruita sulla propria volontà non può avere successo“.
Perché devo soddisfare questo requisito? Perché il programma degli AA è un nuovo stile di vita. E non inizierò una nuova vita se sono soddisfatto di quella vecchia. Sono un alcolista e, come la maggior parte degli alcolisti, non voglio cambiare nulla della mia vecchia vita, voglio solo risolvere i miei problemi. Ma qui devo capire e accettare il fatto che i problemi non possono essere risolti senza un cambiamento fondamentale dei principi guida della vita stessa. Pertanto, devo soddisfare questo requisito e dare un’occhiata onesta alla mia vita precedente.
Nel secondo passo è stato scritto che non si vive mai senza un qualche tipo di fede. La fede può essere consapevole e inconsapevole. Quindi, nella mia vita precedente, ho vissuto con una fede inconscia. Inconsciamente credevo nelle persone, nelle cose, nel denaro e in me stesso. Quindi, ho sempre creduto nel dio della mia mente e nelle rappresentazioni della mia personalità, attraverso le quali volevo raggiungere per me stesso il successo nella vita (mi viene in mente la storia di Bill). Raggiungere il successo, la prosperità materiale e la ricerca del piacere: questo era il mio obiettivo nella vita.
E ho vissuto una vita costruita sulla volontà personale. In questo capitolo scoprirò perché ho fallito. Devo vedere la causa, il problema principale della mia vita, che mi ha portato a una costante inquietudine, irritazione, insoddisfazione, autocommiserazione e alcolismo, come conseguenza dei problemi esterni e interni nati dalla mia ostinazione.
Qual è la mia vita costruita sulla volontà? La mia volontà è semplice: in questa vita, prima di tutto, solo io dovrei sentirmi bene e tutto dovrebbe essere come voglio io.

Il capitolo descrive chiaramente i principi fondanti della mia precedente vita egoistica e basata sulla mia volontà:

  1. Vivere facendo affidamento esclusivamente sulle proprie forze e percezioni.
  2. Ottenere che gli altri facciano solo ciò che serve a me.

Per ottenere dagli altri ciò che voglio, li manipolo, cambio costantemente il mio comportamento in funzione di ciò che ora devo essere per ottenere ciò che voglio. Ho una serie di strumenti:

  • la prima serie di strumenti per ottenere le cose – essere gentile, premuroso, paziente, generoso e forse anche umile e altruista.
  • la seconda serie – per essere meschino, egoista, disonesto, esigente e amante di se stesso.

Uso questi strumenti a seconda della situazione. Sono sempre quello che devo essere in una determinata situazione per ottenere ciò che voglio.

  1. Dare sempre la colpa agli altri e giustificarsi (ci si può permettere di essere parzialmente colpevoli).
  2. Perseguire solo il proprio interesse personale in tutti i rapporti.

Nel libro è scritta una cosa molto importante. Se conduco una vita inconsapevolmente egoista, l’interesse personale è la mia più grande disgrazia!
Sono egoista anche quando cerco di essere gentile!!!
In qualche modo ho cercato onestamente di trovare un atto altruistico nella mia vita, ma non ci sono mai riuscito. È venuto fuori che se faccio un atto totalmente disinteressato, lo faccio per caso, per errore! Dan Pritz ha detto: “Eliminate l’interesse personale dalla vostra vita e questa diventerà immediatamente spirituale. Una vita veramente spirituale è una vita senza motivi di guadagno personale.

  1. Essere guidati dall’interesse personale e vittime dell’illusione di poter diventare felici e contenti nella vita se si ha successo (è quello che credevo io, mi torna in mente la storia di Bill).
  2. Essere costantemente preoccupati dai pensieri su di me, dal mio risentimento, dalla mia autocommiserazione. (Non danno abbastanza carne alla TIGRE nello zoo per tutto il tempo! Quando la mia volontà non viene eseguita, la prima cosa che provo è rabbia “Stronzo/i!”, poi risentimento “Come ha potuto!”, poi autocommiserazione “Che ingiustizia!”).

La cosa più importante scritta nel libro è che tutti i miei problemi hanno una sola radice, una sola causa: è la mia malattia spirituale, l’EGOISMO. (Questi problemi sono stati elencati nel secondo passo: difficoltà nei rapporti con le persone, incapacità di controllare la mia emotività, sconforto, depressione, autocommiserazione, incapacità di guadagnare abbastanza denaro, ecc.)

Da quanto detto sopra, emergono le prime decisioni vitali:

Prima decisione del terzo passo

Ho deciso che la mia vita precedente, costruita sui principi dell’egoismo e della volontà personale, non poteva avere successo.

Cioè, sono venuto a patti con il fatto che le mie idee e i miei principi di vita non hanno funzionato! Sorgono molte domande sull’umiltà e su come comprenderla nel programma. Condividerò la mia esperienza di comprensione. La parola stessa significa che devo fare i conti con qualcosa, cioè ammettere la mia impotenza. Ma umiltà in questo programma non significa cadere nell’inazione e confidare in Dio, al contrario, l’umiltà di fronte a qualcosa che non ha funzionato nella vita implica un’azione immediata su altre basi e altri principi per un’esperienza che cambia la vita.

Come l’umiltà porta all’azione nei primi tre passi

PassoCosa accettoAzioni basate sull’umiltà
IAll’inizio ho accettato il fatto che sono un’alcolista e che non posso farcela da solo.Questa umiltà mi permette di rendermi conto che ho bisogno di aiuto, di chiederlo e di essere disposto a fare qualsiasi cosa per raggiungere l’obiettivo.
IIMi trovo a fare i conti con la mia mancanza di forza, con la possibilità che PS esista e che sia in grado di risolvere i miei problemi.Sono pronto a entrare in contatto con lei e a testare la sua esistenza nella pratica.
IIIDevo accettare il fatto che le mie precedenti regole (principi) di vita egoistiche non hanno funzionato.Questa umiltà implica direttamente l’inizio dell’applicazione di nuovi principi in sostituzione di quelli vecchi.

Quindi, l’umiltà nel programma non è affatto un principio statico, non significa inginocchiarsi umilmente, pregare e aspettare che Dio risolva i miei problemi. No, significa iniziare ad agire da solo e convincersi della manifestazione e dell’opera della Forza e della sua capacità di risolvere tutti i miei problemi attraverso le mie azioni.

Seconda decisione del terzo passo

L’egoismo è la radice di tutti i miei problemi.
L’interesse personale è il mio problema più grande.

Perché vivo la mia vita secondo principi egoistici? Il libro ha la risposta:

A un certo punto della mia vita, ho scelto di pensare solo a me stesso, cioè ho scelto un’idea e uno scopo di vita egoistici. Da quel momento in poi, non ho più avuto il controllo della mia vita. L’egoismo, l’egocentrismo, l’amor proprio hanno cominciato a dominare la mia vita. Sono diventato “governato da varie forme di paura, autoinganno, interesse personale e autocommiserazione”. Mi confrontavo costantemente con gli altri e loro mi ferivano. Si raccoglie ciò che si semina. Come ha detto Chuck, “non puoi seminare un ravanello e ottenere un raccolto di cetrioli”.
Il libro dice che, avendo fatto io stesso questa scelta, sono la causa di tutti i miei problemi. Devo assolutamente liberarmi dell’egoismo, altrimenti mi ucciderà.

PRESTATE ATTENZIONE, QUESTO È MOLTO IMPORTANTE!
Tutto il programma successivo sarà dedicato
esclusivamente alla soluzione del problema dell’egoismo.
Il compito principale di tutte le fasi successive è
dare strumenti pratici per liberarsi dall’egoismo!

Terza decisione del terzo passo

Ho preso la decisione che, per sopravvivere, dovevo assolutamente trovare un modo per disfarmi del mio egoismo.

Quarta decisione del terzo passo

Io stesso sono impotente nel liberarmi dell’egoismo, ho bisogno dell’aiuto del PS (Dio).

In cosa avrei bisogno di questo aiuto? Il libro dice: “Molti di noi avevano convinzioni morali e filosofiche in abbondanza, ma non riuscivano (non avevano la forza, erano impotenti) ad essere all’altezza di una vita conforme ad esse, per quanto lo volessero. Non potevamo diventare meno egocentrici, anche se lo desideravamo e facevamo del nostro meglio. Avevamo bisogno dell’aiuto di Dio.

Ho bisogno dell’aiuto di Dio per liberarmi dall’egoismo. Ho bisogno della forza per vivere la mia vita secondo nuovi principi.

Il libro dice:
“Qui spieghiamo come si fa e perché è necessario agire proprio in questo modo. Prima di tutto, dobbiamo smettere di giocare il ruolo di Dio nella nostra vita. Non funziona!”.

Quinta decisione del terzo passo

Ho deciso di smettere di giocare il ruolo di Dio nella mia vita.
Non funziona.

Sorge la domanda: cosa significa smettere di giocare il ruolo di Dio nella mia vita? Se devo smettere, significa che stavo giocando quel ruolo, ma non me ne rendevo conto. Come lo stavo facendo? Vivendo secondo i principi dell’auto-volontà, facendo l’egoista e pensando solo a me stesso in tutti i miei ambiti. Smettere di interpretare il ruolo di Dio nella mia vita significa abbandonare completamente le mie idee, i miei obiettivi e i miei principi di vita egoistici.

Il libro dice che se ho deciso di smettere di giocare il ruolo di Dio nella mia vita, devo prendere la seguente decisione vitale: “Ho deciso che d’ora in poi nella mia vita, Dio (Potere Superiore) sarà la mia Guida”.
Per dirla in modo più chiaro e semplice, la mia decisione sul quarto passo è la seguente:

Sesta decisione del terzo passo

Ho deciso che nella mia vita futura
mi sarei fatto guidare da principi spirituali

(la volontà del PS (Dio) come la intendo ora).

C’è l’idea sbagliata che affidare la propria vita a Dio significhi non fare nulla, pregare e imparare subito ad accettare con umiltà ciò che accade nella vita come mandato da Dio. Spesso quando si chiede a qualcuno che ha fatto il terzo passo: “Chi dirigerà la tua vita adesso? Si ottiene la risposta: “Dio”. Ma non è vero!

La distinzione tra direzione e gestione.

“Un gestore conosce il modo migliore per salire la scala del successo.
E il direttore vi farà notare che la scala è contro il muro sbagliato“.

Ho cambiato direttore, ma il gestore è rimasto quello vecchio: sono di nuovo io, ma sotto una nuova guida! Se prima il mio supervisore era il mio egoismo, la mia personalità egoistica, ora devo essere guidato nelle mie azioni dalla volontà del PS, cioè dai nuovi principi. Sono io che devo cambiare i miei pensieri, il mio comportamento. Nessuno lo farà per me. Affinchè mi accadano cose buone, sono io che devo imparare a fare la cosa giusta!

Nel libro è scritto che:
“Per la maggior parte le idee utili sono semplici, e questo principio (consegnare la propria volontà e la propria vita a Dio, cioè essere guidati nelle proprie decisioni e azioni da principi spirituali) è diventato la pietra angolare del nuovo arco di trionfo, passando sotto il quale siamo arrivati alla libertà”.

In questo programma la vita e la volontà sono affidate a un Potere Superiore attraverso l’azione.

Il modo migliore per consegnare la vita e la volontà a un Potere Superiore è quello di
agire immediatamente sui passi da 4 a 9 e continuare a vivere nei passi 10, 11 e 12.

Dopo aver preso questa decisione, il libro mi invita per la prima volta a entrare in contatto consapevole con il VS (Dio).
Ho deciso che avevo bisogno di una nuova direzione nella mia vita, perché avevo fallito come dirigente. La mia guida della vita mi ha portato all’ammasso di problemi irrisolvibili che ho al momento. La mia stessa esistenza fisica, la mia stessa vita, è stata minacciata.
Pertanto, consegno la mia volontà e la mia vita alle cure del nuovo direttore, Dio, decidendo di imparare a vivere secondo alcune sue semplici regole (principi) e di essere in contatto con Lui. Naturalmente, devo abbandonare completamente tutte le vecchie idee egoistiche e le nozioni su Dio, su come devo vivere per essere felice. Non hanno funzionato nella mia vita.
Il libro prosegue dicendo che:
“Abbiamo riflettuto a lungo prima di compiere questo passo, per essere sicuri della nostra volontà di donarci definitivamente a Lui“. Perché la necessità di riflettere? Di solito lascio agli sponsorizzati il tempo di riflettere e di decidersi sulla domanda: “È davvero pronto a iniziare la vita su nuove basi? È davvero pronto a vivere nella fede, in contatto con un Potere Superiore, a rinunciare consapevolmente al guadagno personale, alla menzogna e all’inganno in tutte le sue relazioni? È davvero pronto a cambiare la sua vita in modo da renderla il più possibile utile agli altri?”.
Il programma dice essenzialmente:

  • Iniziate a vivere secondo nuovi principi e sarete liberi dall’ossessione del bere;
  • Smettete di preoccuparvi di voi stessi (dei vostri interessi personali) e Dio inizierà a preoccuparsi dei vostri interessi. Egli vi darà sicuramente tutto ciò di cui avete bisogno e anche di più, se non vi fa male.

È qui che entra in gioco la questione della fede. Credete che smettendo di vivere per voi stessi, applicando nuovi principi alla vostra vita e occupandovi continuamente degli altri, potrete ricevere da Dio tutto ciò che desiderate in questa vita? Secondo la vostra fede e le vostre opere vi sarà dato. È tutto onesto, niente di personale. Ognuno può verificarlo per esperienza. Oppure no……

Settima decisione del terzo passo

Sono pienamente convinto di essere pronto a rinunciare all’egoismo e a costruire la mia vita futura su principi spirituali.

Quindi, per chiarire i punti chiave del terzo passo, pongo a me stesso (e al mio sponsorizzato) delle domande:

  1. Hai acquisito la certezza che una vita costruita sulla volontà personale, sull’egoismo, sull’interesse personale, sulla disonestà, sulle paure, sull’ansia, sull’insoddisfazione e sull’autocommiserazione non può avere successo?
  2. Hai capito che l’egoismo e i principi egoistici della vita stessa sono la radice di tutti i tuoi problemi? ( Hai molti problemi e l’alcolismo è solo uno di questi).
  3. Hai capito che devi liberarti dell’egoismo, altrimenti ti ucciderà e che la posta in gioco è la tua vita o la tua morte?
  4. Hai preso la decisione di smettere di giocare il ruolo di Dio nella tua vita? Hai capito cosa significa e come farlo?
  5. Hai capito che anche qui sei impotente e che non puoi liberarti dell’egoismo; che hai bisogno dell’aiuto di Dio e hai capito come farlo?
  6. Sei pronto a rivolgerti a Lui e a dare la tua volontà (per indirizzarla alla ricerca e alla realizzazione di nuovi principi) e la tua vita (azioni e risultati) sotto il controllo del Potere Superiore?
  7. Hai capito esattamente come farai la volontà di Dio per la tua vita?
  8. Credi che vivendo secondo i nuovi principi, smettendo di vivere per te stesso e occupandoti costantemente degli altri, potrai ottenere da Dio tutto ciò che desideri in questa vita? Sei disposto a metterlo alla prova?
  9. Credi che i principi spirituali risolveranno tutti i tuoi problemi e sei pronto a scoprirlo di persona?

Secondo la vostra fede e secondo le vostre azioni, vi sarà dato. È una cosa onesta, niente di personale. Tutti hanno la possibilità di testare l’efficacia dei principi spirituali nella propria vita.

Ora non resta che compiere l’ultima azione del terzo passo e rivolgersi al PS (Dio) per chiedere aiuto e prendere l’impegno.

Entrambi, lo sponsor e lo sponsorizzato, ci mettiamo in ginocchio.

Per prima cosa lo sponsor prega:
“O Dio, davanti a te sto inginocchiato e _____ (nome della persona), è venuto a te con tutta l’umiltà che ha, per chiederti di guidare la sua vita”. (nome della persona) ha capito che la sua vita, costruita sull’egoismo e sulla volontà personale, quando viveva perseguendo solo il suo interesse personale in tutti i suoi affari, non può avere successo, manca di felicità ed è totalmente ingovernabile. _____ (nome della persona), con tutta umiltà, è pronto ad abbandonare la precedente concezione secondo cui la cosa principale nella vita è preoccuparsi solo di se stesso e del proprio tornaconto personale ed è pronto a vivere secondo nuovi principi, i Tuoi, così come li intende. Ti chiede di fare di lui uno dei tuoi figli per servirti, per fare la tua volontà. ______ (nome della persona) si impegna a prendere tutte le misure necessarie, ad essere in costante contatto con te, ad essere utile agli altri tuoi figli in tutti i suoi affari e a vivere secondo i tuoi principi per diventare una guida della tua volontà e del tuo amore”.

Poi devo dire la mia Preghiera dei 3 Passi.
Nel libro c’è un esempio di come ci si rivolge al PS: “Signore, mi abbandono a Te per creare e fare di me ciò che Ti aggrada. Liberami dalla schiavitù dell’egoismo per fare la tua volontà. Rimuovi ciò che mi pesa, affinché questa vittoria sia una testimonianza per coloro che ho potuto aiutare e che saranno aiutati dalla Tua potenza, dal Tuo amore, dal Tuo modo di vivere. Che io possa fare sempre la Tua volontà! Amen!”.

Inoltre, il libro dice che non è affatto necessario memorizzare la preghiera, ma che per il personale rivolgersi consapevolmente “non è richiesta alcuna formula verbale obbligatoria, ma solo l’espressione dell’idea principale senza alcuna riserva“.

Il contatto consapevole è molto diverso dalle preghiere memorizzate inconsapevolmente. Comporta la piena comprensione di ciò che si chiede, del perché lo si chiede e di ciò che si intende fare da parte propria. E poi assumersi la piena responsabilità di compiere le azioni promesse.

La preghiera si articola in più parti:

  1. Una richiesta di liberazione dall’egoismo.
  2. Spiegazione che non è solo per se stessi, ma per comprendere e compiere la Volontà del PS e per essere utili agli altri.
  3. Promessa di seguire un nuovo percorso di vita.

Su questi tre punti, ognuno scrive consapevolmente la propria preghiera al PS.

Mi è risultata la seguente preghiera:

Signore, ti chiedo di liberarmi dall’egoismo. Ne ho bisogno per poter meglio comprendere e fare la Tua volontà, in modo che la soluzione all’alcolismo e agli altri problemi della mia vita possa essere una testimonianza del Tuo potere per coloro che aiuterò.
Signore, ti prometto
Che rinuncerò completamente al mio precedente stile di vita egoistico.

  1. -Che d’ora in poi imparerò a rivolgermi costantemente a Te in preghiera per avere una guida e a farmi guidare dalla Tua volontà nelle mie azioni. Questo significa essere in costante contatto con Te, vivere secondo i Tuoi principi, imparare a essere sincero con me stesso, liberarmi dell’egoismo e delle motivazioni egoistiche con il Tuo aiuto, cambiare la mia vita in modo tale da poterla rendere utile agli altri, specialmente agli alcolisti, in tutte le mie azioni. E accetto che Tu mi dia tutto ciò di cui ho bisogno, a seconda della misura in cui ho compiuto la Tua volontà e sono stato utile agli altri.
  2. – Che farò i passi da 4 a 9 per imparare a essere consapevole dell’egoismo in me stesso e delle sue manifestazioni, che mi oscurano dallo splendore del mio spirito e mi impediscono di dare la mia vita alla Tua guida.
  3. – Imparerò a identificare le manifestazioni del mio egoismo, a riconoscerle e a liberarmene con il Tuo aiuto.
  4. Che io faccia ammenda per i danni arrecati nella mia vita precedente.
  5. – Prometto di vivere ogni giorno i 10,11,12 passi.
  6. – Prometto di condividere le mie esperienze, i miei punti di forza e le mie speranze con gli altri, specialmente con gli alcolisti, e di applicare i principi di questo programma di vita a tutti i miei ambiti.
AMEN!

Il PS (Dio) era sempre lì per me e cercava di aiutarmi, ma io non gli permettevo di entrare nella mia vita, ero costantemente occupato a pensare e a prendermi cura di me stesso (l’abbonato era costantemente non disponibile o fuori campo).

Dal momento in cui prendo la decisione del terzo passo, ciò che “voglio per me stesso non ha più importanza”. Ciò che conta è la volontà di Dio per me.
(come posso seguire meglio i nuovi principi in tutti i miei ambiti, come posso essere utile agli altri?) è l’unica cosa che conta.

Dio si prende cura di chi ha smesso di prendersi cura di sé!

Subito dopo il terzo passo, lo sponsor mi dà l’undicesimo passo, perché è lì che viene dato il consiglio su come agire specificamente per consegnare la mia volontà e la mia vita a Dio oggi e ogni giorno nella mia vita. L’undicesimo passo rispecchia il terzo passo nell’azione quotidiana. Comprendendo i principi del passo 11, si può iniziare ad agire immediatamente e cominciare a fare esperienza spirituale e a percepire l’azione della Forza.

Ancora una volta, brevemente l’essenza del terzo passo.
Lo scopo del terzo passo: Rinunciare consapevolmente all’egoismo e decidere di imparare a liberarsene e a vivere sulla base di principi spirituali.

I principi del III passo da utilizzare nella vita successiva.

PassoDecisioniPrincipi (azioni interiori) Principi (azioni esteriori)
III1. Ho deciso che una vita costruita sull’egoismo e sulla volontà personale non può avere successo, è priva di significato e di felicità. Ho acquisito umiltà accettando pienamente che le mie idee su come vivere per essere felice non hanno funzionato. Con l’umiltà ho acquisito la volontà di cambiare il mio modo di vivere.
2. L’egoismo è il mio problema principale.
3. L’egoismo è la radice di tutti i miei problemi.
4. Devo assolutamente trovare un modo per liberarmi dell’egoismo, altrimenti mi ucciderà.
5. Ho deciso di smettere di giocare il ruolo di Dio nella mia vita – di abbandonare tutte le mie vecchie idee e i miei principi egoistici.
6. Ho deciso che avrò una nuova guida e che sarò guidato dalla sua volontà, cioè dai suoi principi, in tutte le mie attività.
7. Ho deciso che sono pronto a cambiare definitivamente la mia vita.
8. Sono entrato in contatto consapevole e ho pregato di liberarmi dall’egoismo per fare la volontà del Potere Superiore, per essere un esempio di sconfitta dell’egoismo per gli altri e per aiutarli. Ho dichiarato la mia disponibilità a compiere tutti i passi necessari del programma a tal fine.
Ottenere la piena disponibilità interiore a praticare l’umiltà e i nuovi principi in azione come il fare la volontà del PS e fare tutto ciò che è necessario per liberarsi dell’egoismo.

Quindi, dopo il terzo passo, le domande importanti hanno già una risposta:

DomandaRisposta
1Che cos’è? (Qual è il mio problema?)L’alcolismo è una malattia incurabile.
2Da cosa deriva? (qual è la causa?)Dall’egoismo, è la causa di TUTTI i miei problemi nella vita.
3Cosa devo fare per evitarlo?Liberarmi dell’egoismo.
4Come posso farlo?Padroneggiando i principi dei passi da 4 a 9 e oltre.
5Cosa succede quando lo faccio?Il risveglio spirituale e la soluzione a tutti i problemi della vita.

Il capitolo sul terzo passo si chiama: “Programma in azione”, che mi dice che ho bisogno di un’azione vigorosa e decisa per trovare e applicare i principi che mi aiuteranno a liberarmi dell’egoismo. Questa comprensione rende immediatamente necessario il quarto passo.
Ora devo imparare a riflettere su me stesso nel quarto passo.

Potete cambiare lavori, compagni/e o religioni
ma finché non cambierete dentro
attrarrete le stesse persone e stesse situazioni.

Un po’ di cose molto interessanti sul terzo passo della Comunità di Spirito.

Parliamo ancora della decisione del terzo passo. Nel libro “AA sta crescendo”, si racconta come è stato fatto il passo nel 1939? Loro si mettevano in ginocchio. Era un atto di umiltà. Era un’affermazione della loro decisione! La decisione del Passo 3 dovrebbe portarmi all’umiltà e all’accettazione e con questo stato d’animo dovrei passare attraverso tutti gli altri Passi.

Apriamo la pagina 58: “Convinti di ciò, procediamo al passo 3, che consiste nel decidere di consegnare la nostra volontà – i nostri pensieri, il modo in cui pensiamo, e la nostra vita – le nostre azioni, le cose che facciamo, a Dio come lo abbiamo compreso. Cosa intendiamo con questo e come dobbiamo agire?

Da questo paragrafo emergono due domande molto importanti:

  1. Cosa intendiamo con questo?
  2. Cosa dobbiamo fare?

Ora devo confermare la mia decisione con l’azione.

Inginocchiarsi e dire una preghiera non è il terzo passo.
Non è un programma di preghiera, è un programma di azione!

Come si fa a fare il Terzo passo? Dopo la preghiera, l’alcolista si alza dalle ginocchia e fa i Passi 4, 5, 6, 7, 8 e 9, poi entra nel mondo dello Spirito e inizia a vivere i Passi 10, 11 e 12.

Tutti possono facilmente vedere le aree della vita che non hanno affidato a Dio. Guardate dove non c’è successo, dove sono i problemi? Da quali aree della vita provengono paura, irritazione, preoccupazione, risentimento e autocommiserazione? Dov’è la mia ostinazione? Per vederlo, devo guardare i risultati.

La mia vita e alcune parti della mia vita non possono avere successo se si basano sulla volontà mia, che io beva o meno è irrilevante!

Se siete come me, se compio un atto totalmente altruistico e privo di egoismo, lo faccio solo per caso, per errore!

E questo mi ha sempre portato al disordine invece che all’armonia.

Perché succede questo? Perché non c’è costanza in me, ecco perché. Un momento sono così, il momento dopo sono diverso. Un momento sono esigente, il momento dopo sono morbido e indulgente. E comunque tutto si basa sull’egoismo. Non c’è coerenza in me. Per questo le donne della mia vita, che non erano alcoliste, soffrivano sempre, le danneggiavo con il mio comportamento. Non c’era modo per loro di sapere se amarmi o odiarmi. Ecco perché, anche nei momenti migliori, creavo disordine invece che armonia. Li facevo impazzire! Perché il più delle volte non lo fanno. Non riescono a capire perché lo faccio e cosa succederà la prossima volta che tornerò a casa. Sono egocentrico, sono concentrato su me stesso”.