Introduzione

Salve, mi chiamo Sergei P. e sono un alcolista.
Quello che verrà scritto qui non è una guida ai Passi. Non sono un esperto del Programma. Volevo solo parlare della mia esperienza e di come la vedo io. A chiunque voglia semplicità e chiarezza si rivolge questo lavoro. Ci sarà chi non è d’accordo con me. E va bene così. Ma credo sia necessario dire come la vedo io.

Mi sembra che ci sia una buona ragione per questo. In AA si dicono troppe cose sul Programma che in realtà non sono contenute in esso. E troppo spesso si danno definizioni e pareri “autorevoli” su cose che sono assolutamente certe nel Grande Libro e non hanno bisogno delle definizioni personali delle “autorità”. Un’altra ragione è la grande influenza dei centri di riabilitazione e la creazione di vari “programmi” che presentano ai nuovi arrivati come un programma dei 12 passi. I centri di riabilitazione di solito danno ai pazienti solo tre principi dell’intero programma che possono dare loro la sobrietà e non di più: “preghiera, servizio e aiutare gli altri”. Questi tre soli principi vengono presentati come l’intero programma di recupero. E i pazienti di successo dei centri di riabilitazione offrono al povero nuovo arrivato di scrivere un’anamnesi, di lavorare sui sentimenti, di scrivere ogni passo invece di farlo praticamente, di compilare sei colonne di inventario e altre sciocchezze. Nei nuovi arrivati si crea la percezione che tutto ciò sia difficile, che il Quarto Passo non sia la “chiave del nostro futuro” e della guarigione, ma il “pericolo del fallimento”. Che il “Chi va piano và lontano” del nostro Programma non è il principio dell’assimilazione continua e “completa fin dall’inizio” dei principi della nuova vita, ma la prova della sua difficoltà e della necessità di fare “un passo alla volta”. I nuovi arrivati ricevono una comprensione distorta dei termini e dei concetti di questo programma. Ecco i più comuni: “L’umiltà è accettare in pace tutto ciò che ti accade come dato da Dio” – e questo invece di accettare il fatto che i principi egoistici della vita non hanno funzionato e cambiare attivamente la tua vita secondo nuovi principi, “Per amare gli altri devi imparare ad amare te stesso” – anche se è l’egoismo e l’amore per te stesso che il programma considera il problema principale, “Inizia a pregare e la tua vita diventerà spirituale” – e questo invece di agire per liberarti dall’egoismo in tutti i tuoi affari e applicare nuovi principi di vita. Pregare e basta è più facile, naturalmente, e molto più attraente per me come alcolista, ma la preghiera è solo uno dei principi praticati, e la spiritualità del programma sta nell’agire sull’intera serie di principi.

È particolarmente pericoloso quando la sobrietà viene presentata a un nuovo arrivato come recupero o con un messaggio del tipo: il servizio ti rende sobrio – questo è il recupero. Il servizio non è la guarigione. Esiste un solo recupero – il programma dei 12 passi – e in esso il servizio è, ancora una volta, solo uno dei principi. Un nuovo arrivato, incoraggiato da uno sponsor, si dedica al servizio della comunità e, mentre serve negli AA, si sente relativamente bene, ma quando passa ad altri settori della vita, si sente male. Allora gli viene detto di “servire di più”. E lui serve, ma questo non fa che aumentare i problemi negli altri ambiti della vita. Questo può uccidere un principiante. Ho visto spesso irritazione, incomprensione e rabbia nei nuovi arrivati in questi “programmi” di guarigione. E l’irritazione e la rabbia, secondo il Grande Libro, sono il “nemico numero uno” e hanno il potere di uccidere. Se fossi entrato in questi “programmi”, probabilmente sarei già morto.

Comunque, come dice il Grande Libro, siamo tutti ossessionati. E abbiamo strane idee, non solo sul bere, ma anche su noi stessi e sul programma degli AA in particolare. Da quello che ho capito, “non bisogna reinventare la ruota”, basta leggere, capire e fare tutto quello che c’è scritto nel Grande Libro.

Per sapere se una persona è “nel Programma” o meno, basta porre una semplice domanda: “Che cos’è il Programma degli AA? E se una persona risponde che è il suo stile di vita, basato sul rifiuto consapevole dell’egoismo, sulla fede in un Potere Superiore, che si basa sulla sua esperienza personale, sul contatto con esso attraverso la preghiera e sull’applicazione dei principi spirituali in tutti i suoi affari, sa esattamente di cosa sta parlando. E sarà sobrio, gioioso, felice e libero finché vivrà secondo le regole (principi) raccomandate. Nel Grande Libro c’è scritto che “Dio vuole vederci gioiosi, felici e liberi”, ma in qualche modo scompare il contesto in cui si comprende che questo stato è possibile solo se assimilo e mantengo un certo stile di vita basato su principi spirituali e li applico in tutte le mie azioni.

I concetti principali di questo documento che voglio trasmettere

  1. Solo il GRANDE LIBRO è la fonte primaria e una guida dei passi che contiene tutto ciò che serve per recuperare.
  2. I 12 passi sono un programma SEMPLICE!!!
  3. Nel libro, tutti i termini e le definizioni come: “spiritualità”, “esperienza spirituale”, “vita spirituale”, “umiltà”, “crescita spirituale” ecc. – hanno non solo una definizione chiara e precisa, ma anche l’indicazione di azioni concrete e attive da mettere in pratica.

QUINDI IO, COME CHIUNQUE ALTRO, INDIPENDENTEMENTE DA QUANTO TEMPO SIA SOBRIO, NON HO BISOGNO DI SPECULARE O INTERPRETARE NULLA!

E questo vale davvero per tutto, tranne che per il concetto di Potere Superiore, Dio, Realtà Universale, eccetera, a proposito del quale è scritto chiaramente: “Nessuno di noi può definire con precisione o comprendere appieno il Potere che è Dio”.

Tutta la mia esperienza si basa esclusivamente sul Grande Libro e solo in rarissimi casi vengono citate altre fonti per chiarire o aiutare con un particolare Passo. Ci saranno sempre riferimenti a queste fonti. (Le citazioni dal Grande Libro sono riportate tra virgolette. A volte, soprattutto nell’ultima parte del Dodicesimo Passo “e applica questi principi in tutti i tuoi ambiti”, ci saranno citazioni dal seminario di Chuck C. su “Un nuovo paio di occhiali”. Io stesso ho ascoltato questo seminario dieci volte, ogni volta suona nuovo, e lo consiglio a chiunque voglia avere una visione più ampia del Programma. Ci sarà anche materiale tratto dal libro “Getta la pietra”, scritto da membri di AA per rivelare, attraverso l’esperienza personale, lo scopo e il significato del sesto e del settimo passo. Occasionalmente verranno utilizzate le esperienze dei passi di Coly G. e del seminario “Fellowship of the Spirit”, tradotto da lui di Mark H. e Dave F.).

Inoltre, come dice il libro, “Tutti abbiamo problemi di vita e problemi interiori” e io non faccio eccezione.

Non avevo lavoro, né soldi, né famiglia, né speranza, né salute, né prospettive, ecc.

Avevo: difficoltà a comunicare con le persone, disperazione, confusione, solitudine, risentimento, rabbia, irritazione, insoddisfazione, autocommiserazione, ecc.

Questo Programma fornisce quindi un modo efficace per affrontare questi problemi di vita interiori ed esteriori, e il problema dell’alcolismo sparisce “da solo” in questa nuova vita.

Questo lavoro è rivolto al nuovo arrivato che vuole finalmente risposte concrete alle sue domande:

  1. Che cos’è? (ottenere informazioni importanti sulla malattia)
  2. Quali sono le cause? (per scoprire la causa principale della malattia)
  3. Cosa devi fare per evitare che si verifichi? (come funziona il programma e cosa dovete fare)
  4. Cosa succede quando lo faccio? (come il problema dell’alcolismo scompare da solo, come scompaiono le paure, si raggiunge il successo negli affari, la gioia, la felicità e la libertà, ecc.)

E, naturalmente, per gli sponsor alle prime armi, che all’inizio trovano difficile orientarsi nei metodi di lavoro con gli altri.